Quali sono e come si manifestano le allergie respiratorie?

Le malattie allergiche respiratorie sono la rinite allergica e l’asma bronchiale. La congiuntivite spesso si accompagna alla rinite, specie nella forma da pollini.

La Rinite Allergica

respira la natura catello romano allergie respiratorie: rinite

E’ una malattia infiammatoria del naso. I sintomi tipici sono: il pruritoal naso che molto spesso si associa a prurito alla gola e agli occhi, gli starnuti, la secrezione acquosa e la sensazione di naso chiuso. Il paziente con rinite allergica può manifestare sintomi anche in assenza dell’allergene a causa di una esagerata reattività della mucosa nasale, per questo motivo può lamentare fastidi quando respira aria fredda, odori intensi, fumi e polveri. La rinite allergica è una patologia spesso evolutiva e può dar luogo a diverse complicanze (disturbi del sonno e dell’apprendimento, alterazioni del massiccio facciale con malocclusione dentaria, sinusiti, poliposi nasale, asma, infezioni ricorrenti delle vie respiratorie).

 

L’Asma bronchiale

respira la natura catello romano allergie respiratorie: rinite

L’asma allergico è una malattia caratterizzata da infiammazione e ostruzione delle vie aeree (laringe, trachea e bronchi). Come per la rinite, l’infiammazione è causata dall’inalazione dell’allergene e si associa ad un aumento della reattività bronchiale a stimoli aspecifici (odori, fumi, polveri, ecc.). i sintomi tipici sono la tosse stizzosa, prevalentemente notturna, la difficoltà a respirare (dispnea), la sensazione di oppressione al petto e la percezione di rumori durante la respirazione (fase espiratoria). Molto spesso i sintomi peggiorano con lo sforzo fisico (asma da sforzo).

Rinite ed asma spesso si associano (oltre il 70% dei pazienti con asma presenta rinite allergica). In particolare è stato dimostrato che la rinite è il più importante fattore di rischio per l’insorgenza di asma. Inoltre la rinite allergica è un fattore di rischio per l’aggravamento e il controllo dell’asma. La rinite allergica quindi non va considerata una patologia banale, un fastidio, ma va adeguatamente riconosciuta e curata.

Lascia un Commento